I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 24/01/2016

All'indirizzo http://difendersidalfisco.diritto.it/docs/37743-le-commissioni-tributarie-italiane-profili-d-incostituzionalit-e-violazioni-cedu

Autore: Angelo Lucarella

Le Commissioni Tributarie Italiane: profili d’incostituzionalità e violazioni Cedu

Le Commissioni Tributarie Italiane: profili d’incostituzionalità e violazioni Cedu

Pubblicato in Diritto tributario il 24/01/2016

Autore

49576 Angelo Lucarella
Pagina: 1 2 3 di 3

La procedura di formazione dei Collegi delle Commissioni Tributarie sia provinciali sia regionali, costituite in virtù delle norme previste dal D.Lgs. 545/1992, sembrerebbe costituzionalmente illegittima.
La norma degli anni novanta citata violerebbe innanzitutto il principio del Giusto Processo di cui all’art. 111 Cost. il quale al comma 1 recita “la giurisdizione si attua mediante il giusto processo regolato dalla legge”.
A bene vedere il comma 1 si collega strettamente con il successivo comma 2 con il quale si spiega che “ogni processo di svolge nel contraddittorio tra le parti, in condizioni di parità, davanti ad un giudice terzo ed imparziale”.
Stando a ciò il Giudice tributario, di primo e di secondo grado, non gode a priori dei requisiti di imparzialità, terzietà, naturalità ed indipendenza che dovrebbero contraddistinguere qualsivoglia giudicante.
Basti pensare a cosa prevedono gli artt. 2, 3, 4, 5, 8, 13, 15, 29-bis, 31, 32, 33, 34 e 35 del D.Lgs. 545/1992 (legge sull’organizzazione della giurisdizione tributaria); questi articoli compongono un insieme normativo in netto contrasto con la legge costituzionale n. 2 del 1999.
L’incostituzionalità di cui si parla è sicuramente figlia anche della successione delle leggi nel tempo.
In particolare, da quanto su esposto, si coglie immediatamente che la legge sull’organizzazione della giurisdizione tributaria del 1992 è precedente alla riforma costituzionale del 1999 e
perciò si assisterebbe ad una c.d. “incostituzionalità derivata della norma ordinaria”.
La norma del 1992 parrebbe violare, altresì,  l’art. 6 della CEDU con l’effetto che ciò inficerebbe ed inciderebbe fortemente sulla validità delle norme interne che regolano il processo tributario ed i giudizi stessi resi dagli organi di giustizia interessati.
La Corte Costituzionale, anni fa, non rimase silente rispetto alla questione iniziando ad esprimersi in tale direzione con delicatezza, ma senza entrare profondamente nel merito.
Con le sentenze n. 348, 349 del 24 ottobre 2007 e n. 80 del 11 marzo 2011 affermò che le norme Cedu “sarebbero parametri interposti di legittimità costituzionale, tali che la loro violazione determina la illegittimità costituzionale delle norme interne”.
Successivamente con la sentenza n. 17892 del 12 agosto 2014 sempre il Sommo Collegio di Presidio affermò che “nel contrasto con la Cedu, il giudice italiano

Libro in evidenza

Le strategie difensive nel contenzioso tributario

Le strategie difensive nel contenzioso tributario


Il volume, aggiornato alla giurisprudenza più recente, illustra come impostare la strategia difensiva nel contenzioso tributario. È strutturato in DUE PARTI per una migliore fruizione dei contenuti.Nella PRIMA PARTE si prendono in considerazione le tematiche di contestazione più frequenti nella materia...

22.00 € 18.70 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

italiano potrebbe direttamente disapplicare la norma interna”.
Sulla scorta di quanto innanzi ben potrebbe dubitarsi del fatto che i vigenti Collegi Tributari di primo e secondo grado siano in netto contrasto con la Costituzione nonché composti in violazione della Cedu.
Si pensi ad esempio al fatto che nelle Commissioni Tributarie possono essere nominati magistrati ordinari che esercitano funzioni per l’ufficio del Pubblico Ministero (ad esempio il Procuratore capo della Repubblica, il Sostituto o l’Aggiunto).
Perciò si pone automaticamente una riflessione e cioè come potrebbe garantire imparzialità e terzietà chi ha di per sé (con fatto in re ipsa) una peculiare inclinazione, talvolta anche dovuta ad una formazione pre-costituita all’ufficio, ed approccio processuale di tipo accusatorio.
È chiaro che su queste premesse il processo tributario rischia di essere mal gestito e condotto con parzialità assoluta da parte di chi compone il Collegio giudicante.
Atteso quanto innanzi, le norme processuali che regolano il processo tributario, tanto per la composizione dei collegi provinciali quanto per quelli regionali, non possono considerarsi come rispettosi di quei requisiti di imparzialità e terzietà perfetta che dovrebbero avere ai fini dell’effettivo avverarsi del Giusto Processo.
In tale ottica andrebbe valutato che gli artt. 3, 4 e 5 del D.lgs. 545/1992, afferenti alla formazione e nomina dei Presidenti e dei Collegi delle Commissioni predette, sono tra i primi disposti normativi che peccano di adeguamento costituzionale ai principi garantiti dall’art. 111 Cost. e la nomina di un magistrato inquirente non può ritenersi un fatto di illegittimità costituzionale isolato.
Anche i dipendenti civili dello Stato o di altre amministrazioni pubbliche, gli Ufficiali della Guardia di Finanza e gli ispettori tributari del Servizio Centrale vanno ritenuti meritevoli di attenzione al fine di individuare le figure che per predisposizione ed inclinazione naturale non possono garantire imparzialità e
[...]
Pagina: 1 2 3 di 3

Poni un quesito in materia di Diritto tributario


Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli