I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 25/03/2016

All'indirizzo http://difendersidalfisco.diritto.it/docs/38017-il-diritto-al-rimborso-iva-sorge-con-l-indicazione-del-credito-in-dichiarazione-e-si-prescrive-in-10-anni

Autore: Graziotto Fulvio

Il diritto al rimborso IVA sorge con l'indicazione del credito in dichiarazione e si prescrive in 10 anni

Il diritto al rimborso IVA sorge con l'indicazione del credito in dichiarazione e si prescrive in 10 anni

Pubblicato in Diritto tributario il 25/03/2016

Autore

50130 Graziotto Fulvio
Pagina: 1 2 di 2

In tema di rimborso IVA, il termine di decadenza biennale è residuale e si applica solo quando il contribuente non ha indicato il credito nella dichiarazione; in tale ultimo caso, la presentazione del modello con il quale si chiede il rimborso è una mera condizione di esigibilità del credito ed è soggetta all'ordinario termine di prescrizione decennale.
Decisione: Sentenza n. 4145/2016 Cassazione Civile - Sezione V
Classificazione: Tributario
Parole chiave: credito IVA - decadenza - dichiarazione - istanza - prescrizione - rimborso
Il caso.
Il legale rappresentante di una SNC impugnava un diniego di rimborso IVA, che l'Ufficio aveva motivato sulla base della tardiva presentazione dell'istanza di rimborso, oltre il termine biennale di cui al Decreto Legislativo n. 546/1992.
La contribuente deduceva di aver indicato l'imposta a credito IVA per l'anno di imposta 1999 nella dichiarazione presentata nel 2000, e che l'istanza di rimborso era stata presentata nel 2006 entro il termine decennale di prescrizione.
La Commissione Tributaria Provinciale accoglieva il ricorso, l'Ufficio si appellava ma anche la Commissione Tributaria Regionale confermava la sentenza appellata.
L'Ufficio non demorde, e perde anche in Cassazione, che rigetta il ricorso basato su un unico motivo.
 
La decisione.
L'Ufficio ha proposto ricorso fondato sull'unico motivo di censura con cui denunciava la violazione dell'art. 21, comma 2, d. leg. n.
546/1992 e dell'art. 30, comma 1, d.p.r. n. 633/1972, in relazione all'art. 360 n. 3 c.p.c.
La Cassazione premette che «costituisce ormai indirizzo prevalente di questa Corte quello secondo cui la domanda di rimborso dell'IVA deve ritenersi già presentata con la compilazione, nella dichiarazione annuale, del quadro relativo al credito, mentre la presentazione del modello di rimborso costituisce esclusivamente presupposto per l'esigibilità del credito e, quindi, adempimento necessario solo per dare inizio al procedimento di esecuzione del rimborso».
Quindi trae la conseguenza, confortata da altre precedenti decisioni del giudice di legittimità, che «una volta manifestata in dichiarazione la volontà di recuperare il credito d'imposta, il diritto al rimborso, pure in difetto dell'apposita, ulteriore domanda, non può considerarsi assoggettato al termine biennale di decadenza previsto dall'art. 21, comma secondo, d.lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, ma solo a quello di prescrizione ordinario

Libro in evidenza

I gradi di giudizio del nuovo processo tributario

I gradi di giudizio del nuovo processo tributario


Il testo, con FORMULARIO e GIURISPRUDENZA, vuole essere un manuale pratico di ausilio a tutti i professionisti che devono affrontare le varie fasi del processo tributario. Ogni capitolo esamina un grado di giudizio negli aspetti processuali con riferimento specifico, tramite le...

29.00 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

ordinario decennale ex art. 2946 cc. (da ultimo Cass. 12 settembre 2012, n. 15229; 30 settembre 2011, n. 20039)».
Nel dare conto anche delle isolate pronunce in senso difforme della stessa Corte, secondo le quali «soltanto una domanda di rimborso conforme al modello ministeriale corrisponderebbe allo schema tipico di cui all'art. 30 d.p.r. n. 633/1972, con la conseguenza che la domanda difforme resterebbe assoggettata alla decadenza biennale prevista, in via residuale, dall'art. 21 d. leg. n. 546/1992 (ad esempio Cass. 16 settembre 2011, n. 18920)», coglie l'occasione per fare qualche precisazione sulla natura della presentazione del modello ai fini dell'esecuzione del rimborso.
Infatti, la Cassazione così testualmente afferma: «Il filone interpretativo di questa Corte (Cass. n. 21053 del 2005) che - affermando la necessità della presentazione del modello al fine dell'esecuzione del rimborso e della decorrenza degli interessi - si limita però a configurare l'adempimento in questione quale mera condizione di esigibilità del credito d'imposta e non lo pone affatto quale "condicio sine qua non" del relativo esercizio al fine dell'impedimento della decadenza correlativamente prescritta (così in motivazione Cass. n. 20039 del 2011).»
Quindi, per mla Suprema corte, la successiva istanza di rimborso è una mera condizione di esigibilità del credito d'imposta.
Sulla manifestazione di volontà che fa sorgere il diritto al rimborso, così si esprime: «è stato pure affermato che «ai fini della manifestazione di volontà di ottenimento del rimborso, deve aversi riguardo al fatto che nella dichiarazione annuale possa rinvenirsi l'esplicitazione di una tale volontà ancorché non accompagnata dalla presentazione dell'ulteriore domanda di rimborso, il che sottrae la fattispecie al termine biennale di decadenza, sancito in via residuale (Cass. 16 maggio 2012, n. 7684)».
Infine affronta la questione concreta sottoposta al suo vaglio:«Una volta, quindi, che il credito, come nel caso di
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Poni un quesito in materia di Diritto tributario


Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli