I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 18/05/2016

All'indirizzo http://difendersidalfisco.diritto.it/docs/38240-il-raddoppio-dei-termini-per-l-accertamento-irap-illegittimo

Autore: Graziotto Fulvio

Il raddoppio dei termini per l'accertamento IRAP è illegittimo?

Il raddoppio dei termini per l'accertamento IRAP è illegittimo?

Pubblicato in Diritto tributario il 18/05/2016

Autore

50130 Graziotto Fulvio
Pagina: 1 2 3 di 3

Il raddoppio dei termini per l'accertamento IRAP è illegittimo? Prima delle recenti modifiche, in presenza di violazioni aventi rilevanza penale i termini ordinari di accertamento potevano essere raddoppiati purché la notizia di reato fosse inoltrata alla Procura, ma la disposizione non era applicabile all'IRAP.
 
Decisione: Sentenza n. 4775/2016 Cassazione Civile- Sezione V
Classificazione: Penale, Tributario
Parole chiave: termine ordinario di accertamento - illeciti tributari di rilevanza penale - raddoppio dei termini - IRAP – inapplicabilità
 
Il caso.
L'Agenzia delle Entrate aveva notificato un accertamento e irrogato sanzioni a un consulente fiscale, perché ritenuto coautore delle violazioni commesse da una SRL.
Il consulente proponeva ricorso ed eccepiva, unitamente alla mancanza di solidarietà per le sanzioni che erano a carico della sola società in virtù dell'art. 7 Decreto Legge 269/2003, anche la inapplicabilità del raddoppio dei termini ordinari di accertamento per carenza dei presupposti di legge.
In primo grado le ragioni del consulente venivano accolte, ma in appello l'esito veniva ribaltato, e il professionista ricorreva in Cassazione.
 
La decisione.
Per la Suprema Corte l'eccezione di non applicabilità del raddoppio dei termini di accertamento ordinari è fondata, poiché non era stata promossa alcuna azione penale nei confronti del contribuente entro i termini ordinari.
Il ricorrente così lamentava la violazione o falsa applicazione delle disposizioni: «Con il settimo motivo il ricorrente lamenta la violazione o falsa applicazione
dell'art.43, comma 3, del DPR n.600/1973 e dell'art.57, comma 3, del DPR n.633/1972 in combinato disposto con l'art.20 del DLGS n.472/1997; inapplicabilità al periodo di imposta 2005 del raddoppio dei termini di accertamento ai fini delle imposte IRES ed IVA e in ogni caso dell'IRAP, per mancanza dei presupposti di legge. Intervenuta decadenza ai fini dell'applicazione delle sanzioni di cui all'atto di contestazione ( artt.62 del DLGS n.546/1992 e 360, comma 1, n.3, cpc). A parere del ricorrente la CTR aveva errato nel ritenere sussistenti i presupposti per il raddoppio dei termini di accertamento perché l'indagine penale alla quale aveva fatto riferimento (...) aveva riguardato solo il periodo dal novembre 2007 al giugno 2009 e non l'annualità 2005, inoltre non risultava promossa alcuna azione penale nei confronti del C., ancora tale normativa, essendo entrata in vigore il 04.07.2006, non

Libro in evidenza

Costruire il ricorso tributario imposte indirette

Costruire il ricorso tributario imposte indirette


Il testo analizza le casistiche ricorrenti nel contenzioso tributario (in materia di imposte di registro, ipotecarie, catastali, di classamento immobili ed IVA) e con approccio pratico spiega come costruire un ricorso e soprattutto come procedere nelle varie fasi processuali. Riporta per...

42.00 € 35.70 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

non poteva essere applicata retroattivamente al periodo di imposta precedente (2005); ad ogni modo la Commissione aveva errato nell'applicare il raddoppio dei termini all'accertamento dell'IRAP, tributo per il quale non era previsto».
Il Collegio si pronuncia subito: «Va infatti affermato, conformemente a quanto sostenuto dal ricorrente che la disciplina introdotta dall'art. 37 del DL n.233/2006, come successivamente convertito, non si applica agli accertamenti relativi all'IRAP».
(...)
Accogliendo il sesto motivo di ricorso, afferma infatti la Cassazione: «In merito ai profili di doglianza relativa all'annualità alla quale si riferirebbero le indagini penali ed al collegamento delle stesse a C. G., va osservato che gli stessi non integrano una violazione di legge, ma censurano l'accertamento in fatto compiuto dalla CTR chiedendone una rivalutazione nel merito, inammissibile in sede di legittimità. Quanto alla doglianza fondata sulla dedotta irretroattività della norma che ha disposto il raddoppio dei termini, ne va dichiarata l'infondatezza. Invero sul punto va ricordata la sentenza n.477 del 2011 della Corte Costituzionale, che nel respingere diverse questioni di legittimità costituzionale sollevate in merito alla normativa in esame, ha chiarito che la disciplina del raddoppio dei termini non può considerarsi lesiva del principio di irretroattività della legge ed ha precisato che il raddoppio dei termini non si applica solo "alle violazioni tributarie per le quali, alla data di entrata in vigore del decreto (4 luglio 2006), fosse già decorso il termine di accertamento previsto dalla normativa anteriore", circostanza che non ricorre nella fattispecie in esame, relativa all'anno di imposta 2005».
 
Osservazioni.
Il consulente era stato ritenuto amministratore di fatto, ed era stato ritenuto responsabile ex art. 36 del D.P.R. 602/1973 (Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito).
Il raddoppio dei termini ordinari di accertamento in presenza di reati tributari era applicabile in tema di IVA e di
[...]
Pagina: 1 2 3 di 3

Poni un quesito in materia di Diritto tributario


Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli